EN IT

Antonio Marras, tra punk e arte relazionale

Contaminazioni punk e note spezzate: la natura interrotta secondo il designer sardo.

Antonio Marras per la sua collezione Autunno-Inverno 2020 presentata durante l’ultima edizione della Milano Fashion Week, crea una vera e propria sceneggiatura. Lo stilista immagina le Janas, fate della mitologia sarda, che cuciono, ricamano stoffe preziose e intrecciano i capelli con pezzi di stoffa, in un viaggio a Londra in piena era punk. Tra creste colorate, borchie, strappi e catene le fate restano invaghite di un popolo stravagante che sfida i canoni borghesi.

“Telaio impazzito e della Jana Splendente” è infatti la collezione dedicata a Maria Lai, la madrina spirituale di Marras, con cui condivide l’amore per il racconto, l’interesse per la manualità, per la femminilità, per la memoria e per la cultura popolare sarda.

La collezione

Le cuciture libere e i fili aggrovigliati di Maria Lai irrompono nel make-up, nelle scarpe e nell’hairstyling di questa capsule collection. Un inno all’incompiutezza, dunque, che lo stilista ha sempre celebrato. Ritorna la rivisitazione dei capi: la giacca maschile e il parka militare verde scuro vengono trasformati in gilet, felpe e gonne vengono arricchite da Swarovski e scritte ricamate.

Orli non rifiniti, strappi, sovrapposizioni di stampe patchwork su chemisier bianchi. La forza del tartan, citazione alla cultura punk, incontra così la preziosità e la leggerezza del tulle, dell’organza, del pizzo chantilly e del rebrodè. Immancabile il velluto dalla fantasia floreale, la lana cotta e le piume, che decorano cappotti, cardigan, bluse e giacche in denim slavato.

Il vecchio che incontra il nuovo, il vintage che viene rivisitato con la maestria dell’artigianato locale. La tradizione e l’innovazione si contaminano e si ibridano in un’eccentrica collisione. Così i Mamuthones del carnevale sardo di Mamoiada, con i loro carriga, coesistono coi Clash, gli Stooges e gli Exploited.

 

Beatrice Loconte (Accademia di Belle Arti di Frosinone)

Share news

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Condividi su linkedin
Share on Linkedin