EN IT

Black soul: il nero, l’anima di un colore

Da sempre simbolo di raffinatezza ed eleganza, il nero è lo specchio di mille stati d’animo differenti.

Back to black, black is beautiful, i feel comfortable in black, black is my happy color: sono tanti gli slogan che nel tempo hanno accompagnato e accompagnano ancora oggi la scelta del nero. Positivo o negativo c’è sempre un pensiero dietro la scelta di questa tonalità. Un colore che è stato spesso associato all’inconoscibilità ma che al contempo rappresenta la tonalità che racchiude in sé tutte le altre.

Rispecchia un sentimento, una volontà, a volte un capriccio: è un colore che unisce e che ci dà la forza di rompere le regole e andare contro il sistema. Ha accompagnato poeti e grandi scrittori, era il colore degli esistenzialisti francesi, dei punk inglesi, dei più recenti biker e di molte altre culture giovanili, che hanno fatto di questa tonalità non solo un codice di stile ma anche un culto poetico. Più o meno estrosa, ciascuna di queste categorie rifletteva uno stile puramente e profondamente personale, pur mantenendo un look accomunato dal codice colore.

Il nero ha un potere innegabile, è capace nella sua essenza di definire concetti, interi periodi storici e di descrivere l’ignoto. Non a caso i film Noir presentano molto spesso personaggi inafferrabili, dalla mentalità distorta e poco definibile, che si muovono in luoghi specchio dei loro stati d’animo e del conflitto interiore tra bene e male. Il nero è sempre presente, protagonista indiscusso di scene che seguono una logica sconosciuta, che fanno perdere il senso dell’orientamento lasciando precipitare lo spettatore nell’oblio. 

Il nero tra passato e presente

Oggi più che mai il nero sta emergendo in maniera prepotente. Sono tante le piattaforme online che ci propongono film e serie tv completamente avvolte nell’oscurità. Cara Delevingne, protagonista sella serie Carnival Row, si muove in un mondo dalle cupe ambientazioni vittoriane dove una patina nera avvolge esseri fantastici e belve feroci. Dark, suggestivo e pittoresco è anche il mondo di Maria Antonietta e di Salem, che fanno capolino su Netflix raccontando di personaggi immersi in scenari horror.

Il fascino per l’ignoto, per il misterioso, è questo che attrae del nero. Ci seduce e ci rende seduttori, è capace di far diventare chi lo indossa icona di stile: come dimenticare il tubino nero indossato da Audrey Hepburn in colazione da Tiffany, uno degli abiti più iconici nella storia dell’abbigliamento e del costume del ventesimo secolo? Eleganza, seduzione e sofisticatezza, sono questi i caratteri che hanno reso popolari anche le più semplici creazioni, come il little black dress di madame Coco, ispirato da un semplice chemisier e divenuto simbolo delle donne che si dirigevano con decisione verso la modernità e l’emancipazione.

Non è solo una scelta che facciamo di fretta al mattino, è qualcosa che va al di là di un semplice acquisto. È più di un pantalone o di una maglietta, è qualcosa di più vicino ad un sentimento o ad una sensazione: l’anima del nero incanta e trasporta in un modo misterioso e concettuale. 

 

Giulia Baende Bolingo – Accademia di Belle Arti di Frosinone

Share news

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Condividi su linkedin
Share on Linkedin