EN IT

H&M arriva in Cina con i suoi propositi eco-sostenibili

Rental service, condivisione, riciclo e rivendita: l’eco-sostenibilità senza confini di H&M arriva anche in Cina.

H&M segue l’esempio di altri player dell’industria della moda – come Banana Republic o Bloomingdale’s – che affittano i loro capi con un abbonamento mensile, guardando a consumatori che sono sempre più consapevoli dell’impatto ambientale del fashion system.” È questo quello che ha recentemente reso noto l’agenzia di stampa britannica Reuters circa l’ultima importante iniziativa di uno tra i più influenti marchi a livello mondiale del fast fashion.

Come riportato da Reuters, infatti, il fashion brand Cos – marchio appartenente al gruppo svedese di H&M – ha deciso di siglare un rapporto di collaborazione con la piattaforma asiatica YCloset: si tratta, per l’appunto, di una piattaforma che permette agli utenti la condivisione e il noleggio di abiti e accessori pagando un modico abbonamento mensile, agevolandone in tal modo il ricircolo e il riutilizzo.

Buoni propositi eco-friendly

È proprio verso la Cina che H&M sposta il suo sguardo, che strizza un occhio all’eco-sostenibilità, attraverso la novità  degli “abiti in affitto”. L’iniziativa del rental service è stata lanciata agli inizi di dicembre in concomitanza della riapertura di un flagship store nel cuore della capitale svedese, Stoccolma. Lo sguardo eco-sostenibile di H&M, però, va oltre i confini del semplice servizio a noleggio, arrivando anche a sostenere iniziative che riguardano sempre più da vicino il riciclo e la rivendita degli abiti usati, temi che si stanno facendo sempre più spazio nell’industria della moda da diverso tempo a questa parte.

Il brand continua infatti a investire in Sellpy, un’innovativa piattaforma completamente dedicata alla moda di seconda mano, fondata nel 2014 e con la quale H&M ha iniziato una partnership nel 2015. E non finisce qui: stando ai dati del Sustainability Report 2018 del colosso svedese, inoltre, lo scorso anno i materiali di natura riciclata o sostenibile utilizzati da H&M hanno raggiunto una quota del 57%. Tra questi ultimi spicca il cotone biologico, il cui utilizzo è arrivato addirittura al 95%. Pare che entro il prossimo anno, tra i buoni propositi del marchio, ci sia quello di raggiungere un obiettivo pari al 100% nell’utilizzo dei materiali eco-sostenibili. Riuscirà il brand made in Sweden a raggiungere il suo obiettivo? Noi ce lo auguriamo.

Federica Cortese (Accademia del Lusso di Roma)

Share news

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Condividi su linkedin
Share on Linkedin