EN IT

Il Khadi, gioiello tessile dell’India ricco di umanità e tradizione

La voce di un Paese attraverso la tradizione tessile millenaria del Khadi, tessuto pregiato e venerato da tutta la popolazione indiana.

In un angolo del Guido Reni District, location dell’edizione di gennaio di Altaroma 2020, si fantastica tra i tessuti e i colori dell’India: il documentario “The Wheel of Khadi – L’ordito e la trama dell’India” di Gaia Ceriana Franchetti ne svela storia e segreti in un ipnotico road movie pieno di sorprese.

L’artista, fondatrice dell’associazione Indoroman, che celebra la tradizione tessile indiana e le sue contaminazioni con quella occidentale, già nel 2016 aveva realizzato l’installazione “La Foresta di Sari“. Se in quella occasione esaltava forza e bellezza delle antiche tradizioni, nel film narra invece l’evoluzione della cultura tessile alla luce degli eventi storici del Paese, attraversando gli stati del Gujarat, Adnhra Pradesh e West Bengal.

Tara Gandhi Bhattacharjee, nipote di Mahatma Ghandi, è la fiera voce narrante. Il protagonista assoluto è invece il Khadi, reso attraverso le mani sapienti di chi lo produce e ne difende la tradizione. Sono circa 500.000 coloro che tra tessitori e filatori – provenienti dai villaggi di tutta la nazione – realizzano i milioni di metri di stoffa per saree, tuniche e kurta del popolo, secondo il protocollo stabilito dal “Khadi and Village Industries Commission“, organo ufficiale che ne tutela la produzione. Le varietà di questa stoffa cambiano secondo i tipi di lavorazione e i filati. Ce ne sono in cotone, lino o seta. Quello in seta è realizzato con la Ahimsa, detta “non violenta” perché prodotta con un baco non soggetto ad interventi chimici.

Il Khadi: un tessuto prezioso

Tra i tessuti meno inquinanti al mondo, il Khadi si fila mentre si medita con l’arcolaio a ruota chiamato Charka. Fresco d’estate e caldo d’inverno, non è nocivo sulla pelle ed è adatto a tutte le stagioni. Per Mahatma Gandhi era un mantello spirituale. Il guru esortava la popolazione indiana a vestirsi solo di questo tessuto, baluardo della produzione autoctona e simbolo della resistenza al dominio straniero. «Lo “spirito Khadi” significa pazienza illimitata», diceva Gandhi: chi conosce l’intero processo che va dalla sua realizzazione al momento della vendita, sa bene quale fatica e quanto tempo siano necessari a portare il ciclo di produzione a compimento.
Tara afferma che la sua realizzazione è come la Matri Shakti, ovvero l’amore potente di una madre, che avvolge con il suo candore.

Oggi sono molti i designer che scelgono questa stoffa preziosa, assecondando una tendenza globale, anche se non sempre nel pieno rispetto della sua etica produttiva. L’alta moda ne ha riprodotto spesso disegni stampati e trame larghe, come si può constatare negli scialli di Etro e nelle stole di Capucci.

 

Beatrice Loconte – Accademia di Belle Arti di Frosinone

Share news

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Condividi su linkedin
Share on Linkedin