EN IT

Kering punta tutto sull’India

Il gruppo francese del lusso progetta un laboratorio nel Paese asiatico e si impegna nel migliorare le condizioni di lavoro nella sua supply chain. 

Francois-Henri-Pinault, Presidente e Amministratore Delegato del gruppo Kering dal 2005, ha dichiarato di voler migliorare tracciabilità e condizioni di lavoro nella sua supply chain, progettando un proprio laboratorio di embroidery in India.

Il Paese asiatico rappresenta l’eccellenza del ricamo a mano, grazie ai suoi artigiani e alla sua tradizione antica e resistente. Il know-how indiano, infatti, rappresenta per la maggior parte dei brand di lusso “mani fidate” alle quali commissionare numerosi lavori.

Purtroppo, l’industria indiana si trova a fronteggiare quotidianamente problemi quali condizioni di lavoro difficoltose, salari miseri e misure di sicurezza ed igienico-sanitarie inadeguate. “Sono stati fatti progressi significativi, ma a un ritmo troppo lento”, ha dichiarato il gruppo.

Il progetto dell’azienda quindi è riuscire a ridurre alcuni di questi problemi tramite la progettazione di una struttura in grado di soddisfare parte delle richieste provenienti da alcuni brand come Gucci, Bottega Veneta e Alexander McQueen.

Lo scopo non è coprire il 100% dei lavori di ricamo di cui necessita Kering, ma fornire informazioni dirette e concrete sul ricamo a mano sia da una prospettiva di business sia tecnica, ed essere così in grado di collaborare meglio con fornitori esterni considerando le condizioni di lavoro, le paghe, i prezzi e gli impegni contrattuali”, ha dichiarato il gruppo.

Kering aiuta anche l’Italia

Questa è soltanto una delle iniziative lanciate da Kering. In un momento storico delicato come questo che stiamo vivendo, in cui l’Italia lotta contro il COVID-19, il gruppo francese e tutti i suoi marchi sono scesi in campo per far fronte alla diffusione dell’epidemia sul territorio nazionale. Kering dona infatti 2 milioni di euro all’Italia, che riveste un ruolo chiave per il gigante del lusso.

Donazioni che provengono da griffe come Saint Laurent, Balenciaga, Brioni, Pomellato, Alexander McQueen, Dolce&Gabbana, Giorgio Armani e Bulgari, per riportarne qualcuna.

Un contributo importante, destinato alle organizzazioni sanitarie del Paese. La moda diventa team e portavoce di un messaggio di unione, solidarietà, sostegno.

 

Carlotta Barresi (Accademia del Lusso)

Share news

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Condividi su linkedin
Share on Linkedin