Bav Tailor: finalista abbigliamento Who Is On Next? 2019

Bav Tailor: il nuovo lusso eco-sostenibile nato dal desiderio di portare avanti la tradizione dei nonni, grandi sarti.

 

Bav TailorUna fusione dei migliori materiali naturali o riciclati certificati e silhouette pure, geometriche ispirate al design, all’architettura e alle filosofie orientali che caratterizzano il brand 100% Made in Italy ed eco-sostenibile. Nata a Londra, di origini indiane, nomade nello spirito, Bav Tailor, la fondatrice del brand lanciato nel 2015, è membro del Common Objective e della Green Fashion Week, piattaforme globali per la moda sostenibile. Il brand si impegna a dare un contributo sociale attraverso il manifesto di sostenibilità a 360°, dal processo di progettazione ai materiali certificati, fino a una produzione etica e trasparente.

 

  • Descriviti in tre aggettivi.
  • Empatica, persistente, equilibrata.

 

  • C’è stato un preciso momento in cui ti sei resa conto di voler fondare un brand?
  • Sì c’è stato, lo ha permesso una combinazione di fattori. Dopo un viaggio in India fatto nel 2013 con la mia famiglia e a seguito di un discorso che mia madre mi fece in quel periodo ho proprio capito di voler perseguire un progetto incentrato sulla sostenibilità.

 

  • In che modo la tua formazione ha inciso sul tuo percorso stilistico?
  • Ho sviluppato le mie competenze nell’ambito Luxury Retail fin dall’età di 16 anni; gli studi e i viaggi che ho avuto la fortuna di intraprendere mi hanno permesso di sviluppare una profonda sensibilità, in particolare riferita all’abbigliamento e alle differenti fisicità esistenti. Dopo la laurea, ho proseguito il mio percorso formativo con un master in Luxury Brand Marketing e mi sono affacciata al mondo del lavoro sviluppando competenze nel marketing, nell’art direction, visual merchandising e nel commerciale. Sono entrata in connessione con marchi del settore lusso ed artigiani, ho così ampliato ulteriormente le mie competenze; motivata da questo ricco bagaglio ho deciso di tentare una nuova avventura: fondare il mio brand. Un altro elemento che mi ha sicuramente condizionata nel decidere di seguire il percorso di designer è stato il desiderio di portare avanti la tradizione dei miei nonni, grandi sarti, il cognome Tailor deriva proprio da questo. Utilizzando materiali provenienti da fornitori che condensano innovazione, artigianalità e sostenibilità confermo le mie radici.

 

  • Quale sarebbe la colonna sonora per la tua ultima collezione e perché?
  • La colonna sonora della collezione la immagino sicuramente strumentale, un’ascensione moderna con tocchi progressive e lievi sonorità indiane. Un suono capace di liberare la mente, che trasporti in una dimensione sensoriale.

 

  • Quale icona incarna meglio il tuo stile. Perché?
  • Sicuramente Christy Turlington Burns per la sua spiccata vocazione alla filantropia e per il suo modo etico di vivere. È un autentico spirito libero, un’icona di stile, amo la sua sicurezza così naturale e il coraggio che dimostra nel comunicare i veri valori della vita.

 

  • Se la tua collezione fosse un viaggio dove andrebbe?
  • Udaipur in India.

Share news

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Condividi su linkedin
Share on Linkedin