DassùYAmoroso ad Altaroma: orgogliosi di essere, liberi di osare

Il brand street-punk DassùYAmoroso sfila per la prima volta ad Altaroma e presenta la collezione Primavera Estate 2020.

Stefano Dassù e Pasquale Amoroso sono giovani e talentuosi. Nel 2015 fondano il loro brand indipendente DassùYAmoroso, la Y che unisce i loro cognomi diventa un logo, un pattern sui tessuti e un simbolo di unione artistica indissolubile.

Lo stile dei due giovani designer e insegnanti all’Accademia del Lusso di Milano, è ispirato alle subculture anglosassoni e il loro elemento distintivo è il tartan, reinterpretato in ogni collezione in maniera diversa.

Dopo aver già partecipato al progetto Showcase ad Altaroma Gennaio 2019, l’ultima collezione firmata DassùYAmoroso per la Primavera Estate 2020 è stata presentata ad Altaroma il 5 Luglio 2019.

Dassu Y Amoroso

Avevano promesso una scarica di adrenalina che non si è fatta attendere, mentre i modelli percorrevano la passerella. I protagonisti sono stati il nylon fluorescente in verde e rosa, la vernice nera e i tessuti logati, oltre che le trasparenze e le frange che abbiamo intravisto in versione rainbow.

Promotori della libertà a partire dal modo di vestire, i designer hanno proposto delle catene che sostituiscono le cinture in alcuni outfit.

DassùYAmoroso: la collezione Primavera Estate 2020

“I AM WHAT I AM” è un grido di battaglia che si eleva dalla passerella per rompere limiti, confini ed etichette. In un’intervista i due designer e fondatori di DassùYAmoroso hanno dichiarato di voler raccontare, attraverso la moda, il desiderio di poter esprimere sé stessi e la lotta nei confronti di una società che vorrebbe costringere noi tutti a dei rigidi canoni che nella realtà dei fatti non esistono.

“La libertà è il coraggio di saper esprimere sé stessi. Per noi il modo di vestirsi è un modo di comunicare, per questo sperimentiamo su di noi e sulle nostre collezioni per affrontare la società e i limiti che essa ci impone” hanno dichiarato i designer. 

Nonostante la forte influenza della cultura LGBT, Dassù e Amoroso si sono impegnati a portare un messaggio universale, che esorti chiunque si senta privato della libertà di essere ciò che è.

Hanno rivelato che persino durante il casting la scelta dei modelli è avvenuta in modo naturale, e sono stati scelti volti che raccontano una storia, ad esempio persone transgender o ragazzi di un’altra nazionalità ed etnia.

DassùYAmoroso non è solo un brand Pret-à-Couture, è un sostenitore di una causa che riguarda anche chi di moda non se ne intende, e quando la voce non basta si fa portatore di un messaggio attraverso creazioni grintose e uniche.

 

Sara Profeti

Istituto Modartech di Pontedera (PI)

Share news

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Condividi su linkedin
Share on Linkedin