EN IT

Federico Cina: 7 domande al vincitore di Who Is On Next? 2019

Federico Cina: passione, impegno e creatività hanno permesso al giovane ed emergente designer di dar vita ad un brand che porta il suo nome.

 
Altruista, testardo e sognatore, così si definisce Federico Cina, il vincitore di “Who Is On Next? 2019”. Dedicata a due giovani poeti e alla loro storia d’amore, scopriamo insieme la collezione di Federico Cina che ha conquistato la giuria del progetto di scouting nato dalla collaborazione tra Altaroma e Vogue Italia.
 
federico-cina
 
 
  • Forti riferimenti alla tradizione sartoriale “Made in Romagna”, look unisex dal sapore anni ’70 e sovrapposizioni di strati di materiali leggeri e trasparenti sono i protagonisti della collezione Primavera/Estate 2020. Da cosa è stata ispirata la collezione e quali sono le sue caratteristiche?
  • La collezione Primavera/Estate 2020 si ispira ad una mia passata storia d’amore, un’esperienza intima e personale che ho attraversato in giovane età; infatti, il concept nasce da un doloroso sentimento di delusione e smarrimento. I capi presentati nascono dall’artigianalità Made in Italy e nello specifico romagnola, dunque troviamo un’eleganza rivisitata in chiave contemporanea attraverso l’unione di capi semplici e puliti che creano un perfetto connubio tra classe e romanticismo.

 

  • Hai mai avuto il timore di poter perdere l’ispirazione?
  • Penso che sia naturale attraversare dei periodi in cui l’ispirazione viene a mancare, ma l’importante è non perdere fiducia in sé stessi e seguire sempre le proprie emozioni.

 

  • Nella tua collezione compaiono anche collegamenti alla storia dell’arte contemporanea, in particolare alle opere-performance di Tehching Hsieh, principalmente “Rope Piece”. In che modo definiresti il concetto di arte?
  • L’artista taiwanese ha suscitato in me un profondo interesse con la performance intitolata “Rope Piece”, che vede protagonisti lo stesso Hsieh e Linda Montano. Penso che il significato di quest’opera, che si basa sul profondo concetto di arte-vita, descriva perfettamente la storia che ho voluto trasmettere attraverso questa collezione. In particolare, quest’opera sottolinea la fatica di trascorrere il tempo e la quotidianità sempre con la stessa persona, condividendo lo stesso spazio, tutti i giorni. Ecco, definisco l’arte come un racconto spontaneo e sincero del significato di vita.

 

  • Oggi si parla molto spesso dei progetti di scouting e del modo in cui possono aiutare i giovani a far emergere il loro talento, proprio come “Who Is On Next? 2019”. In che modo questa esperienza ha inciso nel tuo percorso stilistico?
  • Questa esperienza la considero una grande opportunità per misurarmi con i numerosi talenti italiani in una realtà solida e professionale. Ammetto che l’esperienza di “Who Is On Next?” mi spinge a prendere ancora più seriamente ciò a cui sto lavorando da anni.

 

  • Quali sono i segreti e i tratti distintivi del tuo brand? C’è stato un preciso momento in cui ti sei reso conto di voler creare una linea che portasse il tuo nome?
  • Ho da sempre cercato una dimensione in cui potermi dedicare alla creazione e realizzazione di mie idee. Avere una linea interamente tua significa avere la libertà assoluta di esprimere al meglio la tua personalità e francamente penso che sia la cosa fondamentale per un designer. Il mio segreto è appunto quello di essere me stesso al 100% e di riuscire a trasferire le mie sensazioni ed emozioni direttamente in passerella.

 

  • In un’industria bastata prevalentemente sul concetto di fast fashion, ben lontana dall’artigianalità, quanto conta per te il Made in Italy, sia in termini concettuali che stilistici?
  • Per me il Made in Italy significa tradizione. Ciò a cui sto lavorando da un paio d’anni ad oggi è proprio quello di ripercorrere la tradizione favorendo la qualità alla quantità.

 

  • La collezione rende omaggio agli inguaribili romantici e alle delusioni d’amore. Quale consiglio daresti a coloro che cercano di superare gli ostacoli della vita, sia personali che amorosi?
  • Amate senza filtri. Lasciatevi trasportare totalmente dal flusso delle vostre emozioni, senza avere il timore delle delusioni o delle sconfitte.

 

Claudia Brizzi

Share news

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su pinterest
Share on Pinterest
Condividi su linkedin
Share on Linkedin