Who is on Next? Uomo 2012

I Finalisti

Andrea Cammarosano

Triestino di nascita, ha studiato fashion design al Polimoda di Firenze e alla Royal Academy di Anversa. Nel 2008 approda alla visionaria corte stilistica del belga Walter Van Beirendonck. In seguito Andrea si trasferisce a San Francisco e da qui inizia a creare le sue prime collezioni di moda maschile, sperimentando una dimensione concettuale fatta di abiti concepiti come artwork. Forme inaspettate, trasformiste, che privilegiano la libertà di espressione ai linguaggi stilistici codificati.

Erïk Bjerkesjö

Erïk Bjerkesjö, giovane stilista originario di Stoccolma, dopo il Master al Polimoda in Footwear and Accessories Design, si affaccia al mondo del fashion proponendo e rappresentando il suo personale concetto di eleganza maschile. Un design raffinato e al contempo innovativo, dove ogni paio di scarpe nasce dalla meticolosa maestria degli artigiani toscani e scolpisce nella durezza delle sue suole la firma di chi le ha concepite. Una ricercatezza fatta di piccoli dettagli: le smussature fatte a mano, l’elegante punzonatura sulle punte, tre chiodi d’oro da diciotto carati sul tacco. Completa la sua cifra stilistica la prima collezione di abbigliamento maschile, intrisa di atmosfere dark&minimal.

Francesco Alosi

Francesco Alosi è un giovane fashion designer italiano, di origine sicula. Diplomato alla Naba di Milano, dopo aver studiato alla scuola superiore di arti applicate di Duperré, a Parigi, ha lavorato come pattern & design assistant per brand come: Neil Barrett, Gustavo Lins e Gaspard Yurkievich. A Pitti Firenze ha debuttato a New Beat(s) con la sua prima collezione uomo realizzata con tecniche sartoriali e totalmente Made in Italy. Il suo stile, prende spunto dalle illustrazioni che lui stesso realizza e che richiamano alla mente i personaggi dei fumetti giapponesi e le suggestioni del sud est asiatico.

Lucio Vanotti

Lucio Vanotti, bergamasco di nascita, ma milanese d’adozione, dopo il percorso accademico intrapreso all’Istituto Marangoni, nel 2002 lancia il marchio February. Un’avventura stilistica durata nove anni, fino a quando la collezione P/E 2012 ne decreta il cambiamento con la nascita del brand omonimo. Vanotti porta avanti la sua identità: un’idea di moda casual, raffinata e unisex. Il celebre motto di Van de Rohe “Less is more” incarna perfettamente il codice di eleganza di questo brand.

Move Roma

Move- Officine del cappello nasce dall’idea di Massimiliano Amicucci. Il brand fonde suggestioni cinematografiche e teatrali con una sperimentazione stilistica contemporanea.
I cappelli Move vantano elevata qualità di materiali e sono realizzati esclusivamente a mano, con circa 50 fasi di lavorazione per pezzo, secondo le antiche tradizioni dei maestri cappellai. I materiali di pregio utilizzati sono naturali al 100%.

YouFootwear

Il marchio YOU nasce nel 2011 dall’incontro di due visioni umane, professionali e culturali apparentemente affini ma intimamente lontane: il visual designer italiano Max Bosio, ideatore di questo progetto, e il fashion designer israeliano Alon Simon Tov. Nasce così un marchio di scarpe cross-cultural dal concept umanista. Il nome stesso nasce come acronimo –Your Own Universe- ed è un invito a ritrovarsi in uno stile evoluto e attuale che si fa interprete dei linguaggi della contemporaneità. Pelli pregiate e tessuti riciclati, si fondono per creare uno stile contemporaneo fatto di contrapposizioni materiche, contaminazioni e rimandi culturali diversi.