CATERINA MORO

Caterina Moro, designer romana con una laurea in Musicologia e Beni musicali e un Master in Haute Couture, si affaccia al mondo della moda nel 2015.

La prima Capsule demi-couture, presentata durante la Fashion Graduate Italia del 2017, segna l’esordio del brand, caratterizzato da ricerca sartoriale e approccio sperimentale nei tessuti e nelle lavorazioni.

Sono i ricordi di infanzia, ancora vivi nella memoria, ad ispirare Caterina Moro per la collezione SS20. Una casa in montagna, un cielo azzurro e l’arte di ritagliare la carta con la madre per costruire delle bambole. Un elemento semplice e modesto come la carta può diventare altro attraverso la fantasia, la dote più preziosa dell’essere umano. La designer immagina, dunque, di modellare la carta e realizza paper dresses dalle lavorazioni sperimentali che restituiscono un mood intimo, ricercato e personale. Il pervinca si conferma il perno cromatico della palette, accanto a toni neutri del bianco e del beige e il plissè è declinato in tessuti come il denim, la pelle, ecopelle e cotone. Caterina Moro non è couture, non è industria: è uno spazio personale tra i due concetti, una visione indipendente e privilegiata del vestire femminile.