GALL

Justin Gall è un designer americano che combina i suoi punti di forza nei suoi studi di fisiologia umana, arte, design grafico e design per creare il mondo moderno di GALL. Lui rappresenta un raro tipo di designer, orgoglioso di fare tutto da solo. Tutto è sotto il suo controllo dal suo design modulare, alle sue stampe e grafiche astratte, al prodotto finito e ad in ogni lookbook, scatti e post editing. Lavorando in questo modo, la sua visione e le sue creazioni possono percorrere un percorso di evoluzione e coerenza senza distrazioni. GALL è nato nel 2014 dai suoi fondatori Justin Gall e Chaira Nardelli Gall, nata e cresciuta a Roma. Sono una squadra di due persone, partner e combattenti laterali nella vita e negli affari. La prima collezione GALL era intitolata “Absterrestrial” per la stagione SS15.

La recente collezione SS20 è intitolata ‘NIHIL’-latino per niente, parola non destinata ad essere presa a valore nominale. Nulla esiste, ma non potrebbe esistere senza il tutto. Si trovano riferimenti che riguardano il nulla e l’esistenza all’interno della grafica creata dal designer Justin Gall. Le sue opere includono riassunti all-over realizzati con la tecnica della vernice e del dripping. I colori si mostrano in rosa-rust, grigio-caverna e blu acqua; e rappresentano i camouflage modernisti originali che sono cementati in ogni collezione GALL. Accanto a queste opere d’arte e grafica noterete l’estetica del design esclusivo di Justin, che è sempre stato modulare e tecnico sin dalla sua primissima collezione. Parti della manica e gamba rimovibili sono presenti ovunque, rendendo i capispalla e i pantaloni personalizzabili in modo semplice. I tessuti sono costruiti per il comfort, la durata e la protezione dagli elementi, tenendo sempre in considerazione una necessità di leggerezza per la stagione primavera-estate. Se si da un’occhiata più da vicino a molti pezzi, si scoprono cerniere impermeabili mix-matching, che portano un altro dettaglio di complessità ad ogni pezzo. La collezione incapsula il mondo attuale e futuristico di GALL, dove nulla è tutto e tutto è niente.