MONICA CAMPRI BEACH COUTURE

Uno stile iconico, sensuale e raffinato quello proposto da Monica Campri che, dopo una decennale esperienza nel settore del beachwear, ha dato vita al suo nuovo brand, la cui filosofia è racchiusa anche nel logo stesso. Una conchiglia Saint Jaques, la stessa usata da Botticelli per raffigurare la nascita di Venere, dea della bellezza, si fonde con le iniziali della designer che, ricordando una forbice stilizzata, richiamano quel concetto di sartorialità ed artigianalità propri delle sue creazioni. La convinzione che anche un costume da bagno possa essere frutto di una cura sartoriale non può che sposarsi con la fedeltà al made in Italy, con la costante ricerca della qualità e l’attenzione per ogni singolo dettaglio.

Il filo conduttore della collezione 2020 è l’emozione, vissuta in modo intenso, e declinata in due diversi aspetti. Emozione intesa come qualcosa di privato, personale e segreto, che sfocia in una collezione ispirata al più intimo degli indumenti, il “corsetto”, tanto caro a quelle donne che da sempre coltivavano più di ogni cosa la propria femminilità, a partire da ciò che non si vede e che fa dello svestirsi un‘arte, in bilico tra il nascondersi e il mostrare, giocando con l’intreccio di un nastro, la leggerezza del tulle o un inserto in pizzo, che sia di macramè, ecopelle o intagliato al laser. L’altra faccia dell’emozione è quella dello stupore e della meraviglia, del calore dei colori che diventa calore emotivo. L’Africa, da sempre musa indiscussa che rapisce i sensi affondando le sue radici nell’animo di chi la guarda, una terra che ha l’eleganza di una regina, della quale si è voluta cogliere la ricchezza nella sua essenza più pura. Il bamboo, ribattezzato il nuovo oro Africano, è una delle sue risorse più preziose ed è uno degli elementi che ricorrono in questa collezione, così come non poteva mancare il serpente, che attrae l’uomo sin dai tempi di Adamo ed Eva, simbolo ricorrente di culture diverse. Il nero ed il marrone nelle sue varie sfumature, sono i colori protagonisti di entrambe le linee, che si differenziano per l’inserimento del bianco, del verde giungla e altre nuances rubate alla cultura tribale, ai tramonti del deserto o ai cassetti della biancheria. Completano la collezione alcuni capi iconici, dai dettagli sartoriali, simbolo della filosofia del brand.